La privazione maggiore che subisce un soggetto disartrico non è la perdita di intelligibilità dello speech ma la impossibilità di esprimere le proprie emozioni attraverso la parola. Il contenuto della comunicazione orale non si limita a ciò che potremmo anche scrivere su un foglio, un tablet, un comunicatore. Esso deborda da qualsiasi strumento di scrittura […]

Read More →

Una delle mie competenze più richieste è la valutazione della disprassia orale, per questa ragione ho potuto costruirmi un bagaglio clinico da integrare alle conoscenze dalle quali sono partita. Quando intendo “clinico” intendo frutto di quel chinarmi sul paziente e dell’osservare in modo empatico, o se preferite col neurone specchio, le sue difficoltà e sentirmele […]

Read More →

La mia città chiude domani. E’ nella zona rossa. Rossa come il sangue, come la passione, come i segnali di pericolo. La giornata è bellissima. Esco per strada, non voglio perdermi un’ultima camminata. Sono un prigioniero portato in cella che cerca un raggio di sole. Questa mia città, così orgogliosa dei suoi commerci, dei suoi […]

Read More →

C’è una grande differenza tra resistenza e resilienza. La prima è sia dell’uomo sia degli oggetti. Si resiste a qualcosa che vuole deformarci, farci cambiare, a qualcosa che ci colpisce, cercando di distruggerci. Mi vengono in mente i disperati versi di resistenza amorosa di Catullo “sed obstinata mente perfer, obdura” (tu.. con mente ostinata sopporta, […]

Read More →

Tra i dispositivi di protezione individuale vi sono sono filtri e barriere. I primi trattengono le particelle in entrambe le direzioni, le seconde erigono muri tra noi e loro. Le barriere presentano un importante vantaggio: lasciano vedere chi sta dietro di loro. Le visiere, ad esempio, pur poste davanti a bocca e naso, ci permettono […]

Read More →

“Prima il dovere, poi il piacere” è stato il mantra della mia formazione, dall’infanzia all’età adulta. Che venisse detto o solo implicitamente ricordato, mi è entrato nella mente tanto da determinare il mio comportamento. Questa regola, a metà tra l’etico e l’utilitaristico (ciò che fai, meritatelo; fai ciò che devi, che serve a te e […]

Read More →

L’incertezza è il nemico peggiore. Ti paralizza. Non capisci se ciò che hai davanti è un avversario, un amico o, semplicemente, un fantasma nato dalla tua fantasia. L’incertezza qui non la genera il virus ma la lentezza nella scelta delle decisioni delle Regione e, più in alto, del Governo. La prossima settimana, affrontando una curva […]

Read More →

Il compito che una malattia psicosomatica assolve è principalmente quello di proteggere il paziente da una sofferenza. La disfonia psicogena è il sintomo di un malessere della mente che si riflette sul corpo perché non può in altro modo venire a parola. Con il termine “vantaggio primario” in psichiatria si intende l’immediato beneficio che la […]

Read More →