Esiste una sostanziale differenza tra destabilizzazione mandibolare  e protrusione. Essa non è abbastanza sottolineata dalla terminologia e merita qualche riflessione.   La situazione della mandibola Rispetto al cranio, cioè a quel compatto sistema di ossa che, saldamente unite, vanno a racchiudere e a proteggere l’encefalo, contengono i seni paranasali e danno spazio alle cavità orbitarie e alle cavità […]

Read More →

In situazioni routinarie il momento del pasto può non essere colto nella sua valenza di apprendimento privilegiato e di conoscenza del mondo e scambiato per un obbligo all’interno delle normali attività di accudimento. Se affrontato in una tale ottica il focus attenzionale non può che essere rivolto  a ciò che il bimbo mangia e a quanto mangia […]

Read More →

Lo svezzamento, con la raggiunta autonomia dal latte materno, è la tappa più importante dell’educazione orale del primo anno di vita.  Fiducia, curiosità, attesa per le proposte del mondo esterno si giocano in poche settimane e il bambino trova nuovi orizzonti alla sua incessante esplorazione.Far accettare il nuovo cibo può però non essere facile, occorre […]

Read More →

Spesso crediamo che l’educazione orale si risolva nell’insegnare ai bambini a masticare i cibi, a separarne le parti commestibili  da quelle non commestibili, a triturare con cura. Oppure pensiamo che il mettere la mano davanti alla bocca  tossendo, l’asciugarsi le labbra prima di bere, l’astenersi da smorfie e boccacce possano bastare. Educare all’oralità è invece […]

Read More →

All’inizio della vita  il nutrimento è non solo sostegno in vita, ma  messaggio. Nell’accoglimento che fa seguito al parto, la prima interazione consiste, infatti, nel porgere il seno: con questo atto il neonato entra a far parte del mondo, viene cioè a contatto con chi gli dispensa nutrimento e affetto. La nascita e l’immediato post-partum, […]

Read More →

Con questo termine si intende la difficoltà che alcuni trovano nel compiere azioni con la bocca, nonostante non siano portatori di problematiche neurologiche o non abbiano malformazioni capaci di alterare in qualche modo la anatomia del distretto orale. E’ possibile distinguere una forma solo orale (il linguaggio è reso correttamente, la intelligibilità è buona) nella […]

Read More →