La proposta di talent show che coinvolgono bambini o preadolescenti merita insegnanti di canto esperti e foniatri attenti, affinché prevalga  l’atteggiamento di cura ed educativo sulla finalità commerciale.   Obiettivi e speranze Il talent show coltiva e premia la capacità individuale in modo esclusivo, fornendo in aggiunta un giudizio estetico. Tra partecipare a un talent e […]

Read More →

L’apparato vocale subisce una maturazione lenta che va considerata nella richiesta performativa ai bambini. Analizzo per punti la fragilità che esso presenta nella infanzia e le ragioni di essa. 1. Non raggiunta coordinazione pneumofonica. Con questo termine intendo la capacità di coordinare: a) il mantice all’attività laringea, al fine di generare un segnale vocale, b) […]

Read More →

Esiste una sostanziale differenza tra apparato vocale adulto e pediatrico, indipendentemente dalla morfologia e istologia laringea: l’ampiezza del vocal tract, cioè la dimensione e il volume delle cavità di risonanza. Gran parte della qualità della resa acustica di una voce è data dalla estensione del vocal tract e dal modo di atteggiarlo. Un uso esteticamente […]

Read More →

Per muta paradossa si intende il mantenimento da parte della voce, nell’adolescente o nell’adulto, delle qualità percettive tipiche dell’infanzia, nonostante si sia completata la maturazione organica dell’organo vocale. Il paradosso sta proprio in questo: una voce bambina nel corpo di un adulto. La muta paradossa, oltre che un sintomo di disagio nella sfera emotivo – […]

Read More →

Un uso affaticante della voce nel bambino ha nell’aggravamento frequenziale il primo sintomo percettivo, ma, se all’inizio la voce dimostra solo un calo frequenziale, nel tempo la tendenza a reagire con edema (e aumento della massa cordale!) ai traumi e alla fatica in generale, associata all’immaturità del legamento vocale e alla frequenza di modeste e […]

Read More →